Su questo sito utlizziamo cookie tecnici e, previo il tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per migliorare la tua esperienza di utilizzo del sito. Per accettare premi OK . Consulta la nostra policy sulla privacy OK
L'ACCOGLIENZA DI QUALITÀ IN LIGURIA

Risultati della ricerca

Orco Feglino

Savona - Riviera delle Palme

Savona - Riviera delle Palme

      | 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 |     Page 1 of 10
Comune dell'entroterra di Finale Ligure nell'alta valle dell'Aquila, Orco Feglino è immerso nel verde, circondato da frutteti e vigneti dai quali si producono ottimi Lumassina e Barbarossa. E' composto da due nuclei abitativi: Feglino che sorge sul fondovalle presso il torrente e Orco situato sul crinale con una splendida vista panoramica. L’unione di questi due borghi avvenne nel 1869. ( Altro Meno )

Compreso nella marca aleramica, fu possesso prima di Bonifacio Del Vasto, poi nel 1142 dei marchesi Del Carretto che vi costruirono un castello medioevale, di cui oggi, nella frazione di Orco, restano alcuni ruderi di mura e un torrione del X secolo.

La vicina chiesa di San Lorenzino, risalente probabilmente al XIV-XV secolo con elementi appartenenti ad un edificio precedente del XII secolo, conserva all'interno affreschi quattrocenteschi. Ha un campanile trecentesco a due ordini di bifore e dal suo sagrato si gode di un suggestivo panorama sulla Val Cornei, solitaria ed incontaminata. Adibito ad attività culturali e sede del Museo del Territorio è l'ex Oratorio di Santa Maria delle Grazie ad Orco. Il Museo approfondisce le tematiche sulle risorse naturali, artistiche e archeologiche presenti nella zona. La chiesa di San Lorenzo a Feglino, fu rifatta in epoca barocca e conserva la parte inferiore del campanile di epoca tardogotica.

La borgata di Boragni, su un crinale roccioso che domina la valle Sciusa, è un caratteristico borgo mediterraneo, con case di pietra a vista che formano un nucleo compatto. Poco distante si aprono due caverne: l'Arma di Strapatente e la Grotta di Balconi che hanno la particolarità di essere attraversate da un capo all'altro. L'ambiente selvaggio delle valle dell'Aquila è percorso da suggestivi sentieri, tra cui “l'Anello del Finale” che permette una interessante passeggiata e la visita alle due grotte. Numerose sono anche le pareti rocciose, meta per gli appassionati di free climbing.

      | 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 |     Page 1 of 10
Reception
Posso aiutarti?